Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 10:09 AM CEST, Oct 21, 2020

Fra Youssef Sami, il nostro Abouna, amava la vita cappuccina (parte I)

Fr. Youssef Sami, il nostro consigliere internazionale per la formazione (Asmen), originario della Custodia del Vicino Oriente (Libano) e responsabile dei cattolici di lingua araba nel Golfo Persico, è deceduto il 17 maggio 2020 a causa di molteplici complicazioni sorte dal Covid 19.

 

Il nostro fratello Paul Hinder Ofm Cap, vescovo e vicario apostolico dell'Arabia meridionale, nella sua lettera di condoglianze per fr. Youssef scrisse quanto segue:

“(Youssef) Era un fratello che si prendeva cura della vita fraterna ovunque egli fosse destinato ... mostrava una mentalità missionaria ed guardava più in là delle sue stesse comunità. Nel giro di poche ore sono state inviate molte condoglianze da fedeli che non erano né di lingua araba né di lingua francese e queste sono le prove che il suo lavoro pastorale aveva raggiunto gli altri ... Era un uomo di preghiera e sapeva che la vera fonte di un fruttuoso ministero pastorale si trova in un incontro personale con il Signore. Come frate cappuccino sapeva che la semplicità è la testimonianza migliore che possiamo dare e che il denaro non dovrebbe mai dirigere le nostre menti o le nostre azioni ”.

Nella sua ispirata omelia funebre Fr. Paul Kӧnig Ofm Cap, Custode dell'Arabia Saudita, disse quanto segue:

“Vieni a me voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete il mio giogo sulle vostre spalle e imparate da me, perché sono mite e umile di cuore. Perché troverete riposo, perché il mio giogo è facile e il mio peso leggero ”.

Penso che queste parole del Vangelo di oggi, mentre lo ricordiamo, si adattino bene alla vita del nostro caro fra Youssef. È stato appena sepolto circa un'ora fa nel cimitero cristiano vicino a Jebel Ali. Egli è morto per complicazioni di salute a causa del Coronavirus. Ci mancherà nella nostra comunità e desideriamo riunirci per pregare perché Dio porti la sua anima in paradiso.

"Venite a me voi tutti che siete affaticati e stanchi, e io vi darò riposo!"

Queste parole di nostro Signore erano ben note a nostro fratello perché so che le aveva lette e predicate durante il suo ministero, specialmente come sacerdote. Ma soprattutto, penso che queste parole siano state molto speciali per lui personalmente nella sua vita. Ho letto ora la riflessione che mi è stata data dalla sua casa, da Abdallah Custode della Custodia del Libano:

Fra Youssef Sami Youssef era nato in un villaggio nel distretto di Chouf, nella provincia del Monte Libano, nel 1957, in una famiglia composta da suo padre Sami Youssef, sua madre Sabat Moghames e cinque sorelle e due fratelli.

Suo padre era un agricoltore la cui attività era cresciuta per consentirgli di aprire un negozio di alimentari. Fra Youssef entrò nella scuola seminariale dei padri cappuccini all'età di dodici anni. Entrò tra i Cappuccini in Libano desiderando vivere la sua vita sui passi di San Francesco d'Assisi e fece i suoi primi voti il 4 ottobre 1977.

Quando scoppiò la guerra libanese, raggiungendo il distretto di Chouf, una grande calamità colpì Youssef: suo padre e suo fratello furono rapiti e uccisi nel 1983. Dopo lo sfollamento che la popolazione di Chouf subì nel 1983, la famiglia e Youssef furono cacciati via dalla loro terra e trovarono rifugio a Beirut, perdendo tutto ciò che possedevano. La madre di Youssef ebbe molto a soffrire con i suoi figli, ma le sue incessanti preghiere e la sua fede incrollabile le permisero di superare tutta la tragedia fino a  perdonare agli assassini di suo marito e di suo figlio e visse per 36 anni nella pazienza, con la preghiera e la fede. È morta devotamente poco prima di Natale nel 2019.

Non ho mai saputo di questa tragedia che Youssef e la sua famiglia hanno sofferto perché non ne ha mai parlato con me e con molti altri. Sapevo che era molto legato a sua madre e che sarebbe sempre andato a stare con lei quando fosse tornato in Libano per le vacanze. La madre di Youssef è stata il collante che ha unito la famiglia e credo che abbia dato a Youssef la sua forte fede seguendo il suo esempio. Come dice oggi la seconda lettura della seconda lettera ai Corinzi, "Sappiamo che se la nostra dimora terrena dovesse essere distrutta, abbiamo un edificio costruito da Dio, una dimora non fatta con le mani, eterna in cielo". Credo che Youssef a causa di questa tragedia che ha colpito la sua famiglia, abbia vissuto le parole di san Paolo quando dice: “Siamo sempre coraggiosi, anche se sappiamo che mentre siamo a casa nel corpo, siamo lontani dal Signore…. e preferiremmo lasciare il corpo e tornare a casa da nostro Signore. Pertanto, aspiriamo a compiacerlo, a casa o fuori. "

"Venite a me voi tutti che avete lavorato e siete stanchi, e io vi darò riposo!"

La mia esperienza personale con Youssef è iniziata nel 2011, quando sia lui che io siamo stati eletti nel Consiglio della Custodia dei Cappuccini sotto il Custode Varghese Chempoly. Prima di questo lo conoscevo solo di passaggio, dato che ero di stanza in Arabia Saudita e lo vedevo solo ai nostri incontri annuali ad Abu Dhabi. Ho notato che collaborando con lui nel consiglio era un grande uomo di comunità e dava sempre suggerimenti su come migliorare la vita dei frati. Youssef non ha mai avuto paura di essere come lo conoscevamo, ed è per questo che è stato scelto per essere un leader nella nostra comunità cappuccina! Quando sono diventato Custode nel 2014, è stato rieletto al Consiglio e ha continuato a essere membro schietto del Consiglio offrendo sempre i suoi buoni suggerimenti per rafforzare la nostra Custodia.

Io ho voluto bene a Youssef perché era sempre disposto ad aiutare in ogni caso la Custodia che aveva bisogno di lui. La sua vita semplice come frate era qualcosa che conoscevamo ed era molto dedito alla sua vita da cappuccino e l’ha vissuta per mostrarla a tutti noi. Youssef è sempre stato un sostenitore della formazione dei frati ed è stato il nostro direttore della formazione. Gli chiesi l'anno scorso se gli sarebbe piaciuto far parte del Consiglio di formazione della nostra Curia cappuccina a Roma, e lui ha prontamente accettato ed è stato scelto per servire. Stava preparando per noi un discorso per il nostro prossimo capitolo sulla Ratio Formationis. Solo per farvi capire il background del suo amore per il ministero, quando venne alla Custodia per la prima volta non conosceva molto bene l'inglese e lo imparò da solo durante il suo soggiorno qui, in modo da poter essere utile a tutte le persone nelle nostre parrocchie. Ha anche preparato e ci ha tenuto una conversazione nell'ultimo capitolo del 2017, se ricordate. La sua fede era forte e l'abbiamo vista tutti nel suo ministero per noi e per il popolo.

 

"Venite a me voi tutti che siete affaticati e stanchi, e io vi darò riposo!"

Bravo, Fra Youssef. Tu sei grande nel tuo modo di essere fraterno e riflessivo. Possa il nostro Padre celeste ricompensarti ulteriormente con la felicità eterna. Prega anche per noi!

(Il nostro speciale ringraziamento va a Fr. Paul Kӧnig Ofm Cap per aver condiviso la profonda riflessione su Fr. Youssef e a Fr. Tony Haddad per le immagini che ha condiviso)

Continua ... nel nostro sito Web dell'ufficio di formazione: www.sgfcap.org