Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
aktualizacja 8:53 PM UTC, Jul 27, 2021

Il silenzio e la quiete facilitano l’unione mistica

Parte Prima

Il silenzio e la quiete non sono la stessa cosa: spesso diciamo che dietro a una grande persona c'è un grande uomo o una donna! Nel contesto religioso, direi che dietro una persona ben integrata o santa, c'è molto silenzio, quiete e preghiera, che portano ad approfondire i misteri della vita, i misteri dell'universo e lo stesso Mistero Ultimo, che chiamiamo Dio. Il silenzio e la quiete ci illuminano per scoprire e sperimentare chi siamo noi, chi è Dio e come potremmo vivere armoniosamente! Vorrei anche chiarire che il silenzio e la quiete non sono la stessa cosa. Il silenzio è l'inizio di un viaggio interiore e riguarda aspetti più esterni. La quiete è più del silenzio. La quiete ci porta oltre il silenzio. La quiete è più interiore e denota la pace interiore, la tranquillità, il riposo e la quiete della mente e del cuore.
La quiete è riposo per la mente, sonno per lo spirito e nutrimento e ristoro per entrambi. È sobrietà interiore. Ha una qualità di profondità. Inoltre, la quiete ci prepara ad essere aperti allo Spirito, ricevendo così lo Spirito di Dio, lo spirito dell'umanità e quello della creazione. La quiete ci prepara alla comunione e all'unità con il Divino e tutto ciò che è nato da Dio. Il silenzio e la quiete creano spazio dentro di noi per crescere fino alla pienezza umano-divina. Con la quiete, tutto ciò che è rotto e distorto ha la possibilità di essere guarito e diventare intero; tutto ha la possibilità di riportarci all'inizio originale. Tutto può essere ricreato in un'atmosfera di silenzio e di quiete.
Per entrare nella quiete, dobbiamo permettere a noi stessi di essere istruiti dalla natura. Guarda gli alberi, le montagne o i fiori. Come sono immobili! Sono profondamente radicati nella quiete del loro essere. Quando noi percepiamo la quiete nella creazione, ci colleghiamo alla quiete della natura. In effetti, il sentimento di unità con tutte le cose della natura è vero amore. L'amore unisce tutti.
Abbiamo bisogno di un tale silenzio che produce la pace nella nostra vita. Il silenzio e la quiete ci guariscono, ci elevano e ci ringiovaniscono. Tutti noi desideriamo un silenzio e una calma positivi prima o poi. Tutti noi abbiamo un desiderio innato di loro, ma pochissimi entrano in loro.

Una volta iniziato il silenzio, emergono molte voci inquietanti dall'interno. Voci di rabbia, bisogni non soddisfatti, ferite, risentimenti, conflitti e relazioni irrisolti. Ciò di cui abbiamo bisogno come primo passo è entrare nel rilassamento e nella calma, che ci portano al riposo. Questa è precisamente la quiete. Nella quiete possiamo cercare di essere misericordiosi e gentili con le nostre ombre, i nostri limiti e i nostri punti deboli, e fare amicizia con essi. A poco a poco questi nemici interni si trasformano in risorse curate di immensa energia. Certo, una fede profonda e molta pazienza sono una condizione sine qua non, ma è possibile.
Cerchiamo quindi di chiudere gli occhi e calmare tutti i nostri sensi per almeno dieci minuti al mattino e prima di andare a letto. Certamente, ma gradualmente saliremo alla novità della pace e dell'armonia. La quiete è un prerequisito per la preghiera e la vita contemplativa. Nella Bibbia la parola "silenzio" non è usata spesso, ma i simboli del silenzio sono usati molto spesso, come "deserto" oltre 700 volte, "montagna" 750 volte e "notte" 450 volte. Gesù si ritirava in silenzio in luoghi solitari e pregava (Mc 1,35; Lc 5,16). Gesù ha praticato il silenzio che gli ha permesso di sperimentare Dio come "Abba" e tutti gli esseri umani come fratelli e sorelle. Il Gotama Buddha è entrato nella profondità del silenzio e ne è uscito come "illuminato" dalla Verità, che lo ha trasformato in un "Buddha compassionevole". Il Mahatma Gandhi era solito osservare un giorno di silenzio una volta alla settimana, e ha iniziato un movimento non violento che ha dato all'India la libertà politica dal governo britannico. P. Oshida O.P. dice: "Tacere ed entrare nella quiete, è entrare nel grembo di Dio". Macario dice: "Per inebriarsi di Dio, bisogna calmare e calmare il proprio cuore". Il silenzio ci aiuta certamente a raggiungere la quiete, e la quiete ci aiuta a pregare sempre in modo contemplativo.
San Francesco era un genio religioso, un mistico e un pellegrino, che viveva nella semplicità un alto grado di armonia con Dio, con gli altri, con la natura e con se stesso. Nel suo ultimo Testamento, san Francesco afferma che il Signore stesso lo ha portato a vivere il Vangelo in modo autentico e, in tal modo, a vivere diverse profonde esperienze spirituali.
San Francesco è entrato di tanto in tanto in una profonda quiete e solitudine alla Verna e in altri luoghi per sperimentare l'"esperienza Abba" di Gesù che alla fine lo condurrà a una vita di comunione con Dio e con tutto ciò che è nato da Dio. Così, continuamente ha sperimentato un legame inscindibile tra Dio, gli uomini e la natura. Si considerava solo uno dei membri della famiglia della creazione di Dio. Ecco perché non poteva separarsi da tutte le vere preoccupazioni umane per la giustizia, per i poveri e per un onesto impegno per la società e per la pace interiore. Per questo motivo, non ha optato per una vita monastica totale, separata dalle realtà viventi della gente comune. Così, con una profonda esperienza di UNITÀ, e "tutto appartiene a Dio", (Atti 17:28), San Francesco poteva sempre dire: "Mio Dio e mio tutto!" Non si considerava al vertice di una gerarchia di tutti gli esseri, né si dichiarava superiore alla creazione non umana. Piuttosto, san Francesco vedeva se stesso come parte della creazione. La sua spiritualità ha ribaltato la spiritualità dell'ascesa gerarchica e l'ha sostituita con una spiritualità della solidarietà discendente tra l'umanità e il creato. Invece di usare le creature per ascendere a Dio (dalla terra al cielo), ha trovato Dio in tutte le creature e si è identificato con loro come fratelli e sorelle; ha trovato il cielo sulla terra. Abbandonandosi e osando tutto per amore, la terra divenne la sua casa e tutte le creature i suoi fratelli e le sue sorelle.

Joseph Prasad Pinto, cappuccino, India