Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 3:03 PM CEST, Sep 21, 2020

Le novità librarie

Le novità librarie
Primavera 2020

Istituto Storico dei Cappuccini

Presentiamo le novità librarie dell’Istituto Storico dei Cappuccini della Primavera 2020.

Giardini dei cappucciniTITOLO: Giardini dei cappuccini

Carla Benocci, A ciascuno il suo paradiso. I giardini dei cappuccini, dei minimi, dei gesuiti, degli oratoriani, dei camaldolesi e dei certosini in età moderna (Bibliotheca seraphico-capuccina, 108), Roma 2020, 24 cm, 777 p. ill. ISBN 978-88-99702-15-1

“Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba”: il celebre passo del Cantico delle Creature di san Francesco d’Assisi, ripreso nella Lettera enciclica sulla cura della casa comune Laudato si’ del papa Francesco del 2015, è un filo rosso congiungente le diverse esperienze di giardini e orti del mondo moderno, rappresentando un’efficace risposta ad un’esigenza ormai imprescindibile e ampiamente diffusa. In questo ambito le diverse interpretazioni offerte dai vari Ordini religiosi, quali i cappuccini, i minimi, i gesuiti, gli oratoriani, i camaldolesi e i certosini, costituiscono esempi spesso non sufficientemente noti, che individuano strade diverse, secondo le rispettive Regole, tutte meritevoli di conoscenza e di ispirazione, nella ricerca di un anticipo di paradiso. Il nuovo volume di Carla Benocci, affermata studiosa di storia dell’arte, dei giardini e dell’architettura, offre una ricca documentazione archivistica e iconografica relativa ai giardini dei religiosi nella prima età moderna.

Benocci: http://www.istcap.org/component/k2/bsc-108.html

Bertoldo di RatisbonaTITOLO: Bertoldo di Ratisbona

Alessia Francone, La predicazione latina e volgare di Bertoldo di Ratisbona (1210 ca.–1272) (Bibliotheca seraphico-capuccina, 109). Roma 2020. 24 cm, 416 p. ill. ISBN 978-88-99702-16-8

Il volume studia i principali caratteri formali e tematici dell’omiletica latina e volgare del francescano Bertoldo di Ratisbona. Dopo un’introduzione storiografica, si esamina la risonanza della predicazione bertoldiana alla luce di un ampio dossier di testimonianze, tra cui quelle celebri di Salimbene de Adam e di Ruggero Bacone. Tali fonti, lette in parallelo con i molti spunti offerti dal corpus bertoldiano, permettono di ricondurre l’enorme fama del predicatore a uno stile omiletico emozionale, di cui è possibile ricostruire i tratti salienti. In base a un confronto linguistico e formale tra alcuni testi provenienti dai sermonari latini e dalle raccolte in medio alto tedesco, il lavoro cerca poi di indagare tanto i processi di adattamento e di selezione subiti dalle prediche di Bertoldo nella transizione linguistica, quanto i meccanismi di circolazione e reimpiego del materiale omiletico. Una selezione di testi latini e tedeschi dà modo di indagare il modello etico e sociale proposto dal predicatore. È presentata infine la trascrizione di nove sermoni latini inediti, tratti dai manoscritti di Lipsia e dal cosiddetto “doppio codice” di Friburgo in Svizzera.

Il libro nasce dalla tesi di dottorato dell’autrice, a cui è stato attribuito ex aequo il premio “Paul Sabatier” della Società Internazionale di Studi Francescani (IX edizione, 2016).Il libro nasce dalla tesi di dottorato dell’autrice, a cui è stato attribuito ex aequo il premio “Paul Sabatier” della Società Internazionale di Studi Francescani (IX edizione, 2016).

Francone: http://www.istcap.org/component/k2/bsc-109.html