Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 4:43 PM CEST, Jul 6, 2020

L’Istituto Storico

A Roma, oltre alla Curia Generale, si trova il Collegio Internazionale “San Lorenzo da Brindisi”. Si tratta di una grande struttura, nella quale hanno sede alcune istituzioni importanti dell’Ordine, quali l’Istituto Storico, il Museo Francescano, la Biblioteca Centrale e l’Archivio Storico dell’Ordine, nonché alcune realtà dell’Istituto Francescano di Spiritualità.

Al Collegio “San Lorenzo” si trovano frati provenienti da tutto il mondo, qui venuti per approfondire la propria formazione con la frequenza delle facoltà pontificie romane. A motivo della presenza in sede di importanti istituzioni, quali la biblioteca e l’archivio, gli studenti possono usufruirne per approfondire gli studi e la ricerca, soprattutto la conoscenza della storia dell’Ordine e della sua spiritualità.

Il Collegio, data la sua grande capienza, è abitualmente sede dei Capitoli Generali dell’Ordine e spesso anche dei Consigli Plenari.

Tali istituzioni hanno ovviamente grande importanza per la vita e la storia dell’Ordine. Qui è custodito il patrimonio prezioso dei documenti che consentono di far memoria del nostro passato, di costruire il nostro presente e che permettono di trasmettere ai posteri la storia che li ha preceduti. Qui l’oggi viene puntualmente registrato con l’utilizzo non soltanto dei mezzi tradizionali ma anche con i supporti elettronici e dell’informatica.

Con la presente serie di articoli, desideriamo far meglio conoscere, a tutti i frati sparsi nel mondo, le Istituzioni dell’Ordine Cappuccino.

Istituzioni dell’Ordine – parte prima

L’Istituto Storico

Già nel lontano 1911 - 1912 il ministro generale Pacifico da Seggiano aveva intenzione di creare nel convento generalizio di Frascati una casa per gli studiosi, munita di una tipografia e dei necessari sussidi scientifici. Ma il tentativo fallì.

Fu il ministro generale Melchiorre da Benisa che il 23 luglio 1926 annunciò ufficialmente all’Ordine l’acquisto in Assisi del palazzo Sperelli, in via S. Francesco 23. Questo edificio è stato sede di un gruppo di studiosi impegnati in studi riguardanti l’Ordine, con a disposizione una biblioteca, il Museo Francescano e la pubblicazione di una rivista scientifica. Quattro anni più tardi, il 14 novembre 1930, lo stesso ministro generale firmò il decreto di erezione del “Collegio di S. Lorenzo da Brindisi in Assisi”, questo era il nominativo originale dell’Istituto Storico.

Per poter più comodamente utilizzare gli archivi e le biblioteche di Roma, il “Collegio di Assisi” chiese e ottenne il permesso di trasferirsi a Roma in Via Sicilia 159. Tra il 4 e il 10 novembre 1940 è precariamente sistemato nei locali dell’Hospitium generale, nell’ala di Via Romagna. Temporaneamente rimase anche senza biblioteca e senza Museo Francescano. Per evitare confusione col nome del Collegio Internazionale di S. Lorenzo, il “Collegio di Assisi” cambia il suo appellativo in Istituto Storico dei Cappuccini.

Col trasferimento della Curia generale da Via Boncompagni alla attuale sede di Via Piemonte 70, l’Istituto Storico è stato sistemato, nell’estate del 1953, in alcuni locali della ex Curia, cioè al terzo piano di Via Boncompagni. Durante i mesi luglio-agosto del 1968 si trasferì nell’attuale sede del G. R. A. km 65.050.

L’Istituto Storico è una fraternità internazionale sotto l’immediata dipendenza del Ministro generale e, in quanto tale, è regolato dalle Costituzioni e da un proprio Statuto. Secondo il suo Statuto (1995), ha le seguenti duplici finalità:

  • la ricerca scientifica e la cura di pubblicazioni in campo francescano, principalmente cappuccino;
  • la promozione, secondo le sue possibilità, di iniziative culturali che interessano la vita dell’Ordine cappuccino.

Altre informazioni - www.istcap.org

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Maggio 2020 13:35