Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 6:22 AM CEST, Aug 6, 2020

La Commissione Mediterraneo

La Commissione Mediterraneo, costituita a dicembre scorso, continua il suo lavoro anche nell'attuale situazione. "Distanti ma vicini", è uno slogan che va di moda in questo periodo di chiusura forzata, a causa del lockdown sociale imposto. Dunque, anche noi della Commissione, pur lontani, siamo stati vicini per continuare, con entusiasmo, a lavorare nello spirito del servizio e della fraternità. Attraverso le videoconferenze, i membri della Commissione, informando e con il consenso del Ministro Generale, abbiamo pensato di posticipare il Capitolo delle Stuoie del Mediterraneo previsto dal 6 al 9 ottobre 2020. Non siamo ancora in grado di stabilire un altro momento, né di offrire un orientamento. La situazione di incertezza però, non ci fa arretrare nel lavoro. Per questo, abbiamo preparato un Instrumentum Laboris, già inviato ai Ministri Provinciali, Custodi e Delegati delle aree interessate. Tale documento dovrà pervenire alle singole fraternità per avviare una discussione personale e condivisa.

Tra qualche giorno, la Commissione si rivedrà nuovamente (nel modo virtuale) per definire alcuni altri passaggi e dettagli, che saranno comunicati a tutti voi, per proseguire, insieme, nel lavoro. Intanto, potete seguire le pagine Facebook (Capitolo delle Stuoie del Mediterraneo) e Instagram (capitolo_mediterraneo).

Sempre in quest'ambito, il 23 febbraio scorso, fra Pio Murat, Consigliere Generale e fra Onofrio Farinola, Segretario della Commissione, hanno preso parte alla celebrazione eucaristica presieduta da Papa Francesco a Bari (vedi le foto), a conclusione dell'Incontro dell'Episcopato delle aree del Mediterraneo (19-23.02.2020), che ha avuto come titolo: "Mediterraneo frontiera di pace". E' stato un momento intenso di preghiera e di ascolto della parola del Santo Padre, ma soprattutto, di incontro e di fraternità. Anche il Ministro Provinciale di Bari e alcuni frati della fraternità dello studentato, hanno preso parte al momento celebrativo, cogliendo l'importanza del Mediterraneo quale spazio vitale per un nuovo slancio pastorale e missionario per la Chiesa oggi, così come per noi frati Cappuccini.

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Maggio 2020 11:01