Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 8:39 PM CET, Nov 20, 2018

Il nuovo Anno Accademico

A Roma, presso il Collegio San Lorenzo da Brindisi
è iniziato il nuovo Anno Accademico

Il 27 ottobre scorso ha avuto inizio ufficialmente l’anno accademico 2018-2019: ufficialmente, data la presenza per la prima volta del nuovo Ministro Generale dell’Ordine, fra Roberto Genuin, che ha presieduto la solenne concelebrazione nella grande Cappella del Collegio, alla quale hanno partecipato i nuovi e vecchi studenti, lo staff dei formatori e del personale incaricato dei vari servizi, nonché numerosi frati della Curia Generale e delle altre case da essa dipendenti. L’apertura cadeva anche in una circostanza tutta particolare, perché, a seguito della elezione del Rettore, Francesco Neri, e dell’Animatore Spirituale, Kilian Ngitir, a Consiglieri Generali dell’Ordine, la loro presenza corrispondeva anche a un addio alle rispettive cariche in Collegio. I due incarichi al momento sono privi dei rispettivi titolari, che dovrebbero essere nominati a breve in occasione del prossimo Consiglio Generale, previsto tra pochi giorni.

L’inaugurazione, come si diceva sopra, ha avuto luogo sabato 27 ottobre, nel pomeriggio, con la concelebrazione dell’Eucaristia domenicale. I testi liturgici erano quelli della XXX domenica del Tempo Ordinario. Il vangelo (Mc 10, 46-52) proponeva l’incontro e la guarigione del cieco Bartimeo con Gesù, a Gerico. A questo episodio e al dialogo tra Gesù e il cieco Bartimeo ha fatto riferimento il Ministro Generale nella sua Omelia. “All’inizio di questo nuovo anno di studio, di vita, di crescita risuona forte, ripetuto e insistente, il grido del cieco Bartimeo a Gesù: Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me! Potremmo reagire anche noi, come la molta folla che seguiva Gesù, cioè potremmo cercare di tacitare Bartimeo, rimproverandolo; potremmo tacitare la domanda che alberga in ciascuno di noi, tacitandola se ce la riproponiamo. Potremmo anche invece immedesimarci nella situazione in cui si trovava Bartimeo per fare nostro lo stesso suo grido: Figlio di Davide abbia pietà di me! Se questo riusciamo a fare, allora è il momento nel quale ci poniamo davanti al Signore senza difese, in verità. Incominciamo bene questo nuovo anno di studio se ci poniamo come Bartimeo, riconoscendo da chi viene la luce e la liberazione: il Signore Gesù, unico in grado di sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore (lettera agli Ebrei).”

Attingendo a una sua esperienza personale, il Ministro ha esortato gli studenti a non mettere al primo posto lo studio... l’opportunità di trascorre questo tempo in Collegio – ha proseguito il Ministro – “è un’occasione formidabile, che il Signore ci concede per rispondere meglio alla sua chiamata ad essere frati cappuccini, la cui regola e vita è osservare il santo vangelo del nostro Signore Gesù Cristo vivendo in obbedienza, senza nulla di proprio ed in castità. Allora, se vorrò essere attento al Signore che passa, la sua voce che chiama ci sprona ad uno studio e ad un impegno accademico più serio. Mi ritroverò, se sono disposto ad ascoltare la sua voce, più disponibile ad usare le mie capacità umane ed intellettive non per tristi e limitati interessi personali, ma per rispondere meglio alle richieste dei miei fratelli. I fratelli contano su di me per avere un aiuto competente. Allora, e solo allora, si illuminerà la mia vista riguardo al mio posto dentro la fraternità e in mezzo al Popolo di Dio.”

Dopo la Santa Messa, tutti i presenti hanno condiviso fraternamente la cena nel grande refettorio del Collegio: un’occasione anche per rinnovare gli auguri di buon lavoro agli studenti e ai loro formatori.

Il Collegio conta quest’anno una settantina di studenti, ai quali si aggiungono una ventina di frati con diversi compiti. Gli studenti sono iscritti al Pontificio Ateneo Antonianum (intorno al 40%), alla Pontificia Università Gregoriana (altri 40%) e un piccolo gruppo (circa il 20%) alla Pontificia Università Lateranense e alle altre università.

Il nuovo anno accademico coincide anche con il 50° anniversario dell’attuale struttura del Collegio, fondata nell’ormai lontano 1968. La ricorrenza è stata richiamata e festeggiata nel giugno scorso e per ricordarla è stato anche pubblicato un volume, curato da Fra Benedict Vadakkekara. Di questo volume, per chi non l’avesse già, forniamo il testo nella versione digitale.

Collegio san LorenzoScarica il libro PDF – in italiano
Collegio Internazionale San Lorenzo da Brindisi dei Frati Minori Cappuccini in Roma al servizio della formazione (1908 – 2018)

Video

Foto

Ultima modifica il Venerdì, 09 Novembre 2018 02:28