Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 8:35 PM CEST, Oct 19, 2018

I Cappuccini sulle strade di Barcellona

Barcellona (Spagna). Dal 4 al 6 maggio 2018, una trentina di frati provenienti da diversi paesi europei, si sono dati appuntamento a Barcellona, per vivere insieme ai confratelli della Provincia di Catalogna una breve missione fraterna, dal titolo "Sant Francesc visita els carrers de Barcelona" (San Francesco visita le strade di Barcellona). Avevamo con noi la reliquia di un mantello che S. Francesco d'Assisi aveva donato a S. Elisabetta d'Ungheria, passato poi a S. Luigi re di Francia e, dopo varie vicissitudini, giunto ai frati cappuccini francesi, che lo custodiscono nel loro convento di Parigi.

Venerdì mattina, primo atto della missione è stato il pellegrinaggio al santuario di Montserrat per affidare la missione alla Vergine Maria. Nel pomeriggio ci siamo recati a Piazza Catalunya, la piazza principale della città, dove abbiamo installato uno stand. Alcuni frati stavano nello stand per accogliere i curiosi e fornire informazioni sulla missione. Gli altri, a coppie, andavano nelle vie limitrofe (tra cui le Ramblas), per incontrare la gente, soprattutto i giovani, poiché la sera avevamo organizzato una veglia francescana appositamente per loro, in collaborazione con il servizio diocesano di pastorale giovanile. Questo “andare” non era solo un invito, ma anche un modo di evangelizzare.

Alle 21 ci siamo ritrovati nella chiesa di Sant Jaume dove, in presenza della reliquia, abbiamo vissuto un momento di lode e di adorazione eucaristica. Poi siamo usciti in processione con la reliquia per le vie del centro cittadino. Accompagnati da "sorella pioggia", al seguito del crocifisso di S. Damiano, cantando le lodi del Signore. Questa semplice, ma allo stesso tempo molto significativa processione, ha suscitato la curiosità di tanti passanti:  c'era chi vedendoci si faceva il segno della croce, chi mostrava con segni diversi il proprio apprezzamento, e soprattutto chi ci immortalava scattando numerose foto.

Abbiamo fatto poi due stazioni particolarmente significative. La prima nel piazzale della chiesa affidata alla comunità di S. Egidio, dove abbiamo ricordato l’incontro di Francesco con il lebbroso e il suo amore per i poveri. La seconda stazione all'arcivescovado, dove ci aspettava l'arcivescovo di Barcellona, il Cardinale Juan José Omella. Con lui abbiamo fatto memoria del gesto del Vescovo Guido, che con il suo mantello aveva ricoperto Francesco dopo la sua spogliazione nella piazza d'Assisi. Dopo la calorosa accoglienza e la benedizione del cardinale, abbiamo ripreso il cammino fino alla chiesa di Sant'Anna, dove ciascuno ha potuto venerare il mantello di S. Francesco.

Il giorno dopo, sabato, abbiamo piazzato il nostro stand francescano vicino alla chiesa dei Cappuccini di Pompeia, giacché la sera, in questa chiesa, avevamo organizzato una preghiera francescana per la pace. Nel pomeriggio, sempre a due a due, ci siamo sparpagliati nelle vie del quartiere per incontrare la gente ed evangelizzare. La veglia francescana nella chiesa di Pompeia è stata animata da fra Hayden Williams OFMCap, che con grande passione ha invitato i presenti ad accogliere il dono della riconciliazione con Dio, per diventare a nostra volta riconciliatori attorno a noi. Domenica mattina, la messa presieduta dal nostro Vicario generale fra Štefan Kožuh, ha concluso la missione.

Prima della messa ci siamo riuniti per condividere i momenti più toccanti di questi giorni. Tutti abbiamo confessato la gioia di avere vissuto una bellissima esperienza di fraternità internazionale. Fra Pio Murat, responsabile del Progetto Europa, ha sottolineato come la prima forza della missione cappuccina è proprio la fraternità.

Ed ora alcuni "fioretti" della missione. Un ragazzo, che si dichiara da subito ateo e che non è per nulla interessato a parlare con i frati, poi si apre e termina pregando il Padre nostro e chiedendo la benedizione. Un giovane sordo, di fronte alla reliquia di S. Francesco, chiede con tenerezza come fare per venerarla e come potere pregare per essere guarito da Dio. Un frate viene fermato da un gruppo di giovani, che gli chiedono di potere fare una foto con lui, perché stanno partecipando a un concorso dal titolo: "Un selfie con la persona più strana che incontri per strada".

Un grande grazie al Signore per questa bellissima esperienza di missione fraterna internazionale e ai frati di Catalogna per la loro splendida accoglienza.

Video

Gallerie delle foto

  1. Montserrat, Pellegrinaggio dei Cappuccini, Barcellona 2018.05.
  2. Mantello di San Francesco a Barcellona, 2018.05.
  3. Cappuccini. Evangelizzazione di Barcellona. 2018.05.
  4. Cappuccini a Barcellona. 2018.05.

Ultima modifica il Venerdì, 18 Maggio 2018 14:05