Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum IT

Log in
updated 4:07 PM UTC, Feb 22, 2024
Charles Alphonse

Charles Alphonse

Inconvenienti del Natale

Da fra. Dolphy Pious OFMCap, Collegio San Lorenzo, Roma

 

Alcuni anni fa Dina Donohue insegnava in una classe di seconda media a Londra. In occasione di un Natale, la sua classe dovette realizzare una recita natalizia per la celebrazione annuale del Natale. Dina distribuì ai suoi studenti le varie parti della recita. Ralph era un problema. Era un ragazzo grande per i suoi anni ed era goffo, lento di pensiero e di movimento, ma era apprezzato dai suoi compagni di classe, poiché si rivelò un protettore naturale. Ralph voleva essere Giuseppe o il pastore con il flauto. Dina gli affidò il ruolo del locandiere. Doveva solo rifiutare l'alloggio a Giuseppe, e con la sua stazza e la sua goffaggine sarebbe stato più impressionante in quel ruolo, pensò Dina.

Dopo lunghe prove, ogni bambino e Dina cercavano il successo. L'auditorium della scuola era pieno di parenti e amici per l'annuale spettacolo scolastico. Nessuno tra il pubblico o sul palcoscenico era più coinvolto nella magia di quella sera di Ralph, che sarebbe salito sul palco per la prima volta nella sua vita. La recita procedette senza grossi intoppi fino a quando apparve Giuseppe, che camminava lentamente, aiutando teneramente Maria a raggiungere la porta della locanda. Bussò con forza alla porta di legno della locanda. Ralph aprì la porta e gridò: "Cosa volete?", come richiesto. "Stiamo cercando un alloggio", disse Giuseppe. "Qui non c'è posto", gridò ancora Ralph. "Per favore, locandiere", disse Giuseppe, "questa è mia moglie Maria. È incinta e ha bisogno di riposare nella notte. È stanca". Ralph tacque! "No, vattene", incitò più volte la maestra Dina da dietro la tenda. Giuseppe mestamente mise un braccio intorno a Maria e cominciò a voltarsi. Ralph, il locandiere, non urlò "No, vattene" né chiuse la porta come gli era stato ordinato. Sembrava perplesso e preoccupato. I suoi occhi erano pieni di lacrime.

Improvvisamente la recita di Natale divenne molto diversa dal previsto! "Non andare Joseph. Ti prego, non andare", chiamò Ralph, inventando le sue battute, molto diverse da quelle praticate per tanto tempo, "non andare. Riporta indietro Maria. Puoi avere la mia stanza!".

Non solo gli occhi della maestra Dina, ma anche quelli della maggior parte della folla si sono riempiti di lacrime di gioia, mentre in un attimo il coro degli angeli, composto da tutti i restanti studenti della seconda classe, è entrato in scena intonando la canzone di Natale.

"Giuseppe, puoi avere la mia stanza". Una bella frase che ci aiuta ad avere lo spirito giusto in questo Natale. Hai spazio per Cristo nella tua vita? Sì, posso avere spazio per Cristo solo quando accetto con tutto il cuore gli inconvenienti della vita. Una vita autentica non può prescindere dagli inconvenienti della vita. La vita è un misto di gioie e dolori, di inconvenienti e comodità. Il Natale consiste nell'accettare gli inconvenienti della vita.

I protagonisti del Natale sono Gesù, Maria e Giuseppe, che hanno dovuto affrontare molti inconvenienti prima e dopo la nascita di Cristo. L'elenco è il seguente:

Il lungo viaggio da Nazareth a Betlemme per una donna incinta e prossima alla data del parto è davvero faticoso. Come accettiamo la nostra stanchezza? La stanchezza è segno di un lavoro duro, intellettuale, manuale. La sfida sta nell'accettare con gioia questa stanchezza come parte della nostra vita.

Maria e Giuseppe non trovarono posto nella locanda, questo fu una sorta di rifiuto. Ci sono molte occasioni nella nostra vita in cui ci sentiamo rifiutati a causa di molte ragioni, come accettiamo questo rifiuto?

Maria ha dovuto dare alla luce Gesù in una mangiatoia sporca. La povertà della sacra famiglia. Ci accontentiamo del minimo o entriamo a far parte della società consumistica avendo più del necessario?

Durante la notte la sacra famiglia dovette fuggire in Egitto, una terra sconosciuta, per paura di Erode che complottava per uccidere il bambino Gesù; questo deve aver causato molta ansia e tensione a Giuseppe e Maria. Come gestiamo le nostre inevitabili ansie e tensioni della vita?

Gesù, che era Figlio di Dio, dovette spogliarsi della sua gloria divina e assumere un'umile forma umana. L'umiltà di Gesù attraverso la kenosi. Desiderare il potere, l'autorità, l'importanza nella vita, cercare il rispetto e l'onore, tutte queste ideologie del mondo attuale vanno contro lo spirito della kenosi.

Dio Padre ha dovuto sacrificare suo Figlio per amore dell'umanità. Il Figlio del cielo è diventato il Salvatore della terra. Qui troviamo lo spirito di sacrificio. Non possiamo immaginare la nostra vita senza lo spirito di sacrificio. I sacrifici fanno andare avanti la vita. I sacrifici dei genitori, degli insegnanti, dei dirigenti, dei soldati, degli agricoltori, degli operai, ecc.

Tutti questi inconvenienti ci ricordano in qualche modo la Croce che era già presente nella mangiatoia. Il luogo che ispira la Natività di nostro Signore Gesù è normalmente al buio, quindi, di solito, i presepi sono adornati non con luci brillanti ma con luci fioche. L'oscurità della notte è improvvisamente compensata dalla luce che proviene dalla grotta. La notte, dice il profeta Isaia, può essere infatti la notte dell'attesa della redenzione, ma allo stesso tempo è un tempo di veglia nella speranza. (Isaia, 21) È una presenza contrastante nella vita di ciascuno di noi, fatta di momenti luminosi ma anche di momenti bui. Questa giustapposizione di gioie e dolori, di luce e tenebre, evidenzia il dramma e la bellezza della nostra esistenza.  

La notte di San Francesco a Greccio è fatta di alcuni dei momenti più difficili della sua vita. Ho pensato che in effetti molti eventi della vita di San Francesco assomigliano alle vere stazioni della Via Crucis.

San Francesco è conosciuto come un santo gioioso. Ma ci sono momenti in cui viene ritratto in lacrime. Nel Trattato dei miracoli, Tommaso da Celano scrive che una volta scoppiò a piangere perché il predicatore aveva parlato della povertà e dell'indigenza di Maria e di Cristo suo figlio. San Francesco piangeva ogni volta che ricordava la crocifissione. Il ricordo della passione di Cristo era così vividamente impresso nelle viscere del suo cuore che, da quel momento, quando gli veniva in mente la crocifissione di Cristo, difficilmente riusciva a trattenere, anche esteriormente, lacrime e sospiri. Queste lacrime indicano il suo carattere sentimentale, la sua tenerezza. Le lacrime sono uno dei modi in cui l'energia si rivela in una delle sue espressioni. Le lacrime di San Francesco, quindi, sono radicate nell'incarnazione di Cristo e nelle sue sofferenze e allo stesso tempo profondamente aperte alle lotte degli altri. Ecco cos'è il Natale per San Francesco: un gesto di inclusione, di gioie e di dolori.

Il Presepe di Greccio realizzato da San Francesco d'Assisi mette in evidenza la povertà di Gesù e di sua madre Maria e Giuseppe, e il disagio provato dal piccolo bambino. Anche Tommaso da Celano pone l'accento sulle tre virtù della semplicità, della povertà e dell'umiltà e ci fa capire che la povertà di San Francesco è in emulazione della povertà di Gesù nella sua incarnazione. Per San Francesco, la povertà esterna della nascita di Cristo a Betlemme è rappresentativa della povertà radicale dell'incarnazione.

Oggi il Natale è molto commercializzato. Per molti il Natale è solo condivisione di regali, canti, mangiare, bere, ballare, fare festa. In realtà, il Natale è dare un senso alla nostra vita con tutti i suoi inconvenienti. Per portare gioia all'umanità Gesù, Maria e Giuseppe hanno dovuto affrontare molti disagi. Dietro agli inconvenienti si nasconde un grande amore. Dove c'è amore, si è pronti ad affrontare qualsiasi inconveniente. Perché l'amore è più grande del dolore degli inconvenienti. Siamo disposti ad affrontare gli inconvenienti per amore di Dio? Siamo disposti a sacrificarci per amore? Siamo pronti ad accettare tutti gli inconvenienti di vario tipo come volontà di Dio? Se sì, c'è posto per Cristo nel nostro cuore!

(Grazie di cuore a Fra. Dolphy Pius OFMCap per questo articolo e a Fra. Tarcisio Mascia OFMCap che ha corretto questo testo)

Heritage Course for Indonesian Brothers

24 brothers from Indonesia attended this year’s heritage course conducted from 22nd October to 5th November 2023. Br. Paulus Tony was their main animator. He animated them from the beginning and also took them on a pilgrimage to Lourdhes and Fatima at the end of the Heritage Course. Brs. Jaime Rey, Damian Pereira, Joel de Jesus, Clayton Fernandes, Charles Alphonse and few other brothers also animated them. Brothers had the chance to visit important places in Rome, Assisi, Camerino, Loreto and San Giovanni Rotondo. They also had the chance to visit the Curia Generale and the General Minister fraternally welcomed them along with Br. Michele Motura the guardian. They had the chance to meet the different general secretaries and enjoyed the hospitality of the brothers of the Curia.

 

They also had the privilege to be present at the Papal Audience and receive the blessings of Pope Francis. This course was a time of renewal in our Franciscan Spirituality, ongoing formation, inner healing, visit holy places and also spend quiet moments in the loving presence of God.

Sottoscrivi questo feed RSS